Page 23 - November 2020
P. 23

November 2020            23
                      Litterateur









                        MEMO DES MOTS                                   MEMORY


                                                     Mia Lecomte


                            Mia Lecomte is an Italian poet and writer of French origin






















                              Italian                           English translation by Brenda
                                                                               Porster

              Il gioco consiste nel girare la carta              The game is to turn the card over
              trovi il nome riferito all’immagine                you find the name that matches the
              stabilisci il legame di coppia                                                                               picture
              Il gioco comincia quando scopri chi esiste         agree on the pair bond
              la sua sagoma ti riporta a quel nome               The game starts when you discover who

              può durare per decine di anni                                                                                 exists
              non si vince non si perde                          his profile takes you back to that name
              può durare oltre il tempo concesso                 it can last for decades
              Il gioco finisce quando tutto è chiamato           there’s no winner no loser
              ogni immagine con il nome che è proprio            it can last longer than the allowed time
              ricomposta nel mazzo ogni coppia                   The game ends when everything is called
              Dopo il gioco non resta mai niente                 each picture by its own name
              sopra il tavolo sulla pagina niente                each pair reassembled in the deck
              se è poesia sottotraccia                           At the end of the game nothing is left
              tiene il dorso di una cicatrice                    on the table on the page nothing
                                                                 if it’s poetry under the surface
                                                                 a raised scar holds tight
   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28